Ricevi uno sconto del 40%

Tesoro Nascosto: Il Rally dell’S&P 500 e la Crescita del Bitcoin

Pubblicato 29.02.2024, 09:54


L'andamento positivo del mercato azionario, con lo S&P 500 che registra un rialzo significativo nel mese di febbraio, rappresenta un fenomeno degno di nota, specialmente considerando che non si vedeva un aumento simile dal 2015 in questo mese. Il rally del 24% dai minimi di ottobre fino ad ora ha contribuito a creare nuovi massimi per l'indice.
Tuttavia, è interessante notare che, nonostante questo rialzo, ci sono state correzioni marginali all'inizio della settimana. Queste correzioni possono essere viste come una sorta di riequilibrio, riducendo le pressioni tecniche nel mercato. Il riprezzamento delle aspettative di allentamento della Fed, con il mercato che è ora ampiamente allineato con il "dot plot" (che prevede un allentamento di 75 punti base quest'anno) rimane tra gli elementi di maggior rilievo. Solamente nel corso del mese attuale, gli investitori hanno tolto dal tavolo circa 65 punti base di possibili tagli, il tutto con i mercati che sembrano aver ignorato il tema. Divergenza ben visibile nel grafico sottostante. La narrazione positiva attorno al mercato azionario continua a focalizzarsi sulla prospettiva di tagli dei tassi e sulle pressioni disinflative, oltre al contesto di crescita resiliente.
Aspettative tagli FED a dicembre e performance S&P 500

Nell'ultima sessione di negoziazione, nel S&P 500, 257 aziende hanno chiuso in rialzo, mentre 244 hanno registrato una diminuzione. Questo risultato ha portato l'indice ponderato S&P 500 a chiudere leggermente in calo, mentre l'indice equiponderato (misurato dall’ETF RSP) ha registrato un leggero guadagno.
Un punto interessante è che il settore immobiliare, che è stato il maggior ritardatario rispetto ad altri settori dall'inizio dell'anno, ha registrato un deciso progresso durante l'ultima sessione. Al contrario, il settore delle comunicazioni, che è stato uno dei leader dei rialzi dall'inizio dell'anno, ha chiuso la seduta come il peggior settore. Tutto ciò è avvenuto nonostante il calo dei rendimenti decennali americani.
L'ultima stima del PIL del quarto trimestre negli Stati Uniti, pubblicata ieri, ha mostrato una crescita dell'economia del 3,2%, leggermente al di sotto della stima iniziale del 3,3%. Tuttavia, la crescita della spesa al consumo è stata rivista al rialzo al 3%. Nonostante gli elevati costi di finanziamento e l'impennata dell'inflazione nel corso dell'anno precedente, i consumatori hanno continuato a spendere a un ritmo sostenuto. Questo non solo ha contribuito a mantenere l'economia fuori dalla recessione, ma ha anche sostenuto una crescita superiore alla media.Gli utili societari sono ora in via di accelerazione, con circa il 90% delle società dell'indice S&P 500 che hanno già riportato risultati, mostrando una solida crescita degli utili del 7,5% per il trimestre. Molti di questi risultati positivi sono guidati dai titoli delle "Magnificent 7" e più in generale dalla tecnologia a mega capitalizzazione. Tuttavia, ci si aspetta che anche i settori ciclici vedano un miglioramento dei profitti, specialmente nella seconda metà dell'anno, mentre la Federal Reserve si concentra sui tagli dei tassi.
Nonostante questi sviluppi positivi, gli investitori sembrano mostrare ansia in vista dell'aggiornamento sull'inflazione di oggi. Sia i prezzi al consumo che quelli alla produzione sono aumentati a gennaio, suggerendo che il PCE core potrebbe registrare il suo maggiore aumento in un anno. La lettura attesa per il deflatore PCE core di gennaio è del 2,8% anno su anno, leggermente inferiore al 2,9% di dicembre.
L'inflazione rimane un tema centrale anche in Europa, come evidenziato dalle letture odierne attese per Germania, Spagna e Francia. Questi dati sono importanti perché forniscono indicazioni su dove potrebbe collocarsi l'inflazione nell'area dell'euro nei prossimi mesi. Per la stampa di febbraio nell'area dell'euro, ci si aspetta un'inflazione core dell'2,9% su base annua, in calo rispetto al 3,3% registrato a gennaio. Per quanto riguarda l'inflazione complessiva, si prevede un ulteriore calo al 2,5% su base annua rispetto al 2,8% del periodo precedente. Se le stime dovessero essere confermate, si tratterebbe di un ulteriore segnale di un rallentamento del momentum inflazionistico, con una lettura significativamente inferiore rispetto alla stima della BCE del 2,9% per il primo trimestre del 2024.
L'attenzione degli investitori su Wall Street è attualmente focalizzata sull'inflazione, ma il Bitcoin ha anch'esso catturato l'interesse. Il principale crypto asset, Bitcoin, ha raggiunto ieri il livello più alto degli ultimi due anni, avvicinandosi al 8% dai massimi storici. Se la chiusura odierna mantenesse o superasse questi livelli, rappresenterebbe la chiusura mensile massima storica per il Bitcoin, oltre ad aver assistito ad una crescita mensile di oltre 20.000 dollari. Questo notevole aumento si è verificato in concomitanza con flussi senza precedenti di afflussi netti negli ETF su Bitcoin, che hanno portato $1,1 miliardi negli ultimi due giorni. Addirittura, Morgan Stanley (NYSE:MS) starebbe considerando l'introduzione di ETF spot su Bitcoin sulla sua vasta piattaforma di brokeraggio. L'ETF di iShares IBIT (BlackRock (NYSE:BLK)) è al momento il leader per i maggiori flussi in entrata da inizio anno, con un totale di poco meno di 6 miliardi di dollari. Segue l'ETF di Fidelity, FBTC, con circa la metà di questi flussi, pari a 3,1 miliardi di dollari.

Flussi fondi Bitcoin ETF da inizio anno

È interessante notare che, nonostante il Bitcoin si avvicini al suo massimo storico, l'interesse di ricerca su Google (NASDAQ:GOOGL) per la parola "Bitcoin" è attualmente solo a circa 23, lontano dagli 100 raggiunti nel 2017. Questo suggerisce che, almeno al momento, c'è un livello relativamente basso di "clamore" o interesse mediatico intorno al Bitcoin rispetto a periodi precedenti di forti rialzi. Tuttavia, è importante notare che le dinamiche di mercato e l'interesse pubblico possono cambiare rapidamente.
Il fatto che l'interesse di ricerca non abbia seguito il rialzo significativo del Bitcoin potrebbe indicare che attualmente non vi è un elevato livello di partecipazione del pubblico o di attenzione mediatica. Tuttavia, se il Bitcoin dovesse effettivamente raggiungere nuovi massimi storici, potrebbe attirare un maggiore interesse e attenzione, portando potenzialmente a un aumento dell'hype e della partecipazione.

Google Trends

Indipendentemente dal catalizzatore, che potrebbe essere la crescente domanda sostenuta dagli ETF o l'approccio del prossimo halving, l'azione positiva dei prezzi ha avuto un effetto di richiamo su diversi titoli legati alle criptovalute. Alcuni esempi includono Marathon Digital (NASDAQ:MARA) Holdings, che ha registrato un aumento del 2,4%, e MicroStrategy, che ha guadagnato il 10,5% durante la giornata.

Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.