Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Wall Street nel Vortice: Rialzi, Utili Stellari e Cautela Monetaria

Pubblicato 06.05.2024, 09:41
Aggiornato 12.03.2024, 12:10
US2000
-
IT40
-
MSFT
-
GOOGL
-
AAPL
-
AMZN
-
ISP
-
CRDI
-
ENEI
-
GOOG
-
RACE
-

La scorsa settimana, Wall Street ha attraversato cinque giorni di frenetiche negoziazioni, scanditi da significativi dati macroeconomici e da un'intensa stagione di bilanci trimestrali. L'indice S&P 500 ha impresso un marcato rialzo, chiudendo con un robusto guadagno settimanale, spinto principalmente da un atteggiamento inaspettatamente accomodante della Federal Reserve. La decisione di politica monetaria, rivelata mercoledì, ha preparato il terreno per una reazione positiva dei mercati, che è stata amplificata dal rapporto sui non-farm payrolls di venerdì, il quale ha segnalato un incremento dell'occupazione meno marcato del previsto.
Questo dato ha attenuato le preoccupazioni su un possibile surriscaldamento del mercato del lavoro, suggerendo una maggiore cautela nella normalizzazione della politica monetaria, e ha inaspettatamente rassicurato gli investitori. Durante la settimana, abbiamo inoltre assistito anche al culmine della stagione degli utili del primo trimestre, con protagonisti di spicco come Amazon.com (NASDAQ:AMZN) e Apple (NASDAQ:AAPL). Entrambi hanno presentato risultati superiori alle attese, con Apple che ha brillato particolarmente, annunciando un imponente piano record di riacquisto di azioni da 110 miliardi di dollari. Mentre il mercato attende con interesse i risultati di Nvidia, nota come la Regina dell'AI, le cosiddette Magnifiche 5 (Nvidia, Amazon, Meta, Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e Microsoft (NASDAQ:MSFT)) hanno riportato utili complessivi per 68,4 miliardi di dollari. Questo rappresenta un incremento del 62% rispetto all'anno precedente, evidenziando il loro ruolo dominante nella crescita degli utili dell'intero indice S&P 500. Questi risultati non solo riflettono la forte posizione di queste aziende nel mercato, ma anche il loro impatto significativo sulle dinamiche economiche più ampie.
In termini aggregati, l'80% delle società dell'S&P 500 ha reso noti i propri risultati per il primo trimestre del 2024, con il 77% che ha superato le previsioni sugli utili per azione. Complessivamente, gli utili sono stati superiori alle stime del 7,5%. Attualmente, il tasso di crescita degli utili è del 5,0%, rispetto al 3,4% alla fine del primo trimestre (31 marzo). Se confermato, questo tasso di crescita rappresenterebbe il picco più alto dal secondo trimestre del 2022, quando gli utili sono cresciuti del 5,8%. Otto degli undici settori hanno mostrato una crescita degli utili su base annua, guidati da comunicazioni, servizi pubblici, beni di consumo discrezionali e tecnologia. In contrasto, i settori dell'energia, della sanità e dei materiali hanno registrato una contrazione degli utili su base annua.
Questa settimana, Wall Street potrà godere di un periodo di calma relativa, poiché l'agenda economica e la stagione degli utili del primo trimestre si presenteranno meno intense. Gli occhi degli investitori saranno puntati sul sondaggio di lunedì riguardante le opinioni dei senior loan officer della Federal Reserve, un indicatore chiave per valutare le condizioni del credito nell'economia. Inoltre, venerdì verranno rilasciati i dati preliminari sull'indice del sentiment dei consumatori dell'Università del Michigan per maggio, con le previsioni che anticipano un leggero deterioramento del morale per il secondo mese consecutivo. L'attenzione sarà anche rivolta ai commenti dei policymaker, cruciali per delineare le future direzioni della politica monetaria della Fed.
Sebbene meno di 60 aziende dell'S&P 500 siano programmate per annunciare i propri risultati questa settimana, l'attività non mancherà di certo, con oltre 600 società del Russell 2000 pronte a presentare i loro bilanci. Nel dettaglio, per l'S&P 500 il settore sanitario sarà preponderante, mentre nel Russell 2000 spiccherà il settore tecnologico, con oltre 170 aziende attese a riferire, a fronte di circa 135 del settore sanitario a piccola capitalizzazione.

Parallelamente, il mercato italiano continua a mostrare forza, con un aumento del 10,8% dall'inizio dell'anno. Questa settimana vedrà circa 42 aziende, inclusi 24 giganti del FTSE MIB che rappresentano circa la metà della capitalizzazione totale dell'indice, pronti a svelare i loro dati finanziari. Tra i nomi di spicco figurano Ferrari (BIT:RACE), Enel (BIT:ENEI), Unicredit (BIT:CRDI), Leonardo e Iveco.
Nonostante i successi, non tutte le notizie sono positive, come dimostra il caso di Intesa (BIT:ISP) San Paolo, che, nonostante risultati record, ha visto il proprio titolo scendere venerdì del 3,13% nella sua peggior seduta dell'anno, perdendo circa 2 miliardi di euro in capitalizzazione.

Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.