📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Cina, case auto chiedono tariffe di ritorsione su vetture benzina Ue - media statale

Pubblicato 19.06.2024, 09:24
© Reuters. Una persona passa davanti alle bandiere dell'Ue e della Cina prima del dialogo economico di alto livello UE-Cina presso la Diaoyutai State Guesthouse a Pechino, Cina, il 25 giugno 2018. REUTERS/Jason Lee
XNO/USD
-

PECHINO (Reuters) - Le case automobilistiche cinesi hanno chiesto a Pechino di reagire alla decisione di Bruxelles di porre limiti alle esportazioni di veicoli elettrici aumentando i dazi sulle auto a benzina importate dall'Ue.

Lo scrive il Global Times, quotidiano sostenuto dallo Stato.

Ieri in una riunione a porte chiuse, alla quale hanno partecipato anche le case automobilistiche europee, le aziende automobilistiche cinesi e i gruppi industriali hanno suggerito alle autorità di aumentare le tariffe sui grandi veicoli a benzina importati dall'Unione europea, secondo il quotidiano.

La politica commerciale dell'Ue sta diventando sempre più protezionistica, per via dei timori che il modello di sviluppo della Cina, incentrato sulla produzione e basato sul debito, possa far sì che l'Unione europea venga invasa da beni a basso costo, tra cui i veicoli elettrici, con le aziende cinesi che guardano all'estero vista la debolezza della domanda interna.

Il 12 giugno la Commissione europea ha annunciato di voler imporre dazi fino al 38,1% sui veicoli elettrici cinesi importati a partire da luglio, seguendo l'esempio degli Stati Uniti e aprendo un nuovo fronte nella guerra commerciale tra Occidente e Pechino, iniziata con i primi dazi sulle importazioni di Washington nel 2018.

Il Global Times ha scritto per la prima volta alla fine del mese scorso che un centro di ricerca sull'auto legato al governo cinese stava suggerendo alla Cina di aumentare i dazi sulle importazioni di auto a benzina di grandi dimensioni al 25%, citando un esperto del settore.

L'attuale tariffa sulle importazioni di automobili è del 15%.

Le autorità cinesi avevano già paventato possibili misure di ritorsione in commenti sui media statali e in interviste a esponenti del settore.

© Reuters. Una persona passa davanti alle bandiere dell'Ue e della Cina prima del dialogo economico di alto livello UE-Cina presso la Diaoyutai State Guesthouse a Pechino, Cina, il 25 giugno 2018. REUTERS/Jason Lee

Il mese scorso lo stesso giornale ha paventato la possibilità che le aziende cinesi chiedessero alle autorità di aprire un'indagine antidumping sui prodotti di carne di maiale europei, cosa che lunedì il ministero del Commercio cinese ha annunciato di voler intraprendere.

Pechino è stata sollecitata anche a prendere in esame le importazioni di prodotti lattiero-caseari dall'Ue.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.