🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

5 cose da tenere d'occhio questo mercoledì nei mercati europei

Pubblicato 06.03.2019, 09:39
5 cose da tenere d'occhio questo mercoledì nei mercati europei
IT40
-
STLAM
-
STMPA
-
PRY
-
UNPI
-
CL
-
CPRI
-
AMPF
-
CNHI
-

Di Carlos R. Cózar e Mauro Speranza

Investing.com - Di seguito le cinque chiavi che gli investitori seguiranno sui mercati europei oggi nel prendere le loro decisioni:

1. Il mercato sconta già l'accordo tra Stati Uniti e Cina

I venti di guerra commerciale sui dazi sembrano svanirsi e gli analisti ritengono che il mercato stia scontando già il possibile accordo tra Stati Uniti e Cina.

Durante gli ultimi mesi della famosa guerra commerciale, le borse si sono scosse sulla base di ciò che Donald Trump e Xi stavano facendo e disfando.

CMC Markets sottolinea che dall'inizio dell'anno "i mercati azionari sono cresciuti sulla base di un ipotetico lieto fine", vedremo come reagiranno i mercati, una volta che la Cina non crescerà al ritmo previsto”.

2. Gli analisti vedono una prorogra dell'aumento del tasso BCE

Non vi saranno cambiamenti di rilievo nella politica monetaria della Banca centrale europea. O almeno questo è ciò che pensa il consenso degli analisti.

Gli esperti prevedono che l'agenzia aumenterà i tassi di interesse nel giugno del prossimo anno, il che significa una proroga di tre mesi.

La maggior parte dei 32 analisti intervistati da Bloomberg dall'agenzia prevede che sarà allora quando la BCE aumenterà i tassi di 25 punti base rispetto all'attuale livello dello 0%. Va ricordato che domani Mario Draghi tornerà sul palco e renderà nota la sua decisione nel corso della consueta conferenza stampa post-meeting.

3. Aziende automobilistiche in allerta

I dati sulle immatricolazioni di auto non sono troppo lusinghieri e sembrano ristagnare. I nuovi piani del governo non piacciono all'industria e i clienti sono in attesa di scoprire quale tipo di auto è quella giusta.

In Italia e in Europa, la guerra commerciale e il rallentamento economico stanno rallentando il mercato.

Fiat (MI:FCHA) apre intorno alla parità la seduta di oggi, mentre ieri Mike Manley aveva confermato gli investimenti del gruppo in Italia.

4. Ftse Mib incerto a Piazza Affari

Apertura poco sotto la parità a Piazza Affari con l’indice principale, il Ftse Mib, che resta appena sotto la parità.

Da segnalare Prysmian (MI:PRY) che cede quasi il 7% dopo il rilascio dei dati sugli utili, mentre ancora in rosso troviamo Amplifon (MI:AMPF), seguita da STM (PA:STM), Unipol (MI:UNPI), CNH Industrial (MI:CNHI) e Campari (MI:CPRI), anche quest’ultima indebolita dai risultati del 2018 e dall’outlook per il 2019 comunicati ieri.

Da segnalare, inoltre, la diffusione del rapporto 'Interim Economic Outlook' dell'Ocse. A novembre, l'Organizzazione aveva previsto per l'Italia una crescita pari a 0,9% sia per il 2019 che per il 2020, contro i rispettivi 1% e 1,1% stimati dal governo a dicembre in seguito all'intesa con la Commissione europea.

5. Dati macro

Nessun dato macroeconomico particolare in Europa, quindi gli investitori dovranno guardare oltre i nostri confini.

Dagli Stati Uniti, quindi, sono attesi i dati sulle esportazioni, le importazioni, la bilancia commerciale e la variazione dell'occupazione non agricola.

Inoltre, si attendono i dati sulle importazioni di petrolio e l’AIE rilascerà i dati sulle scorte di greggio

Qui è possibile consultare l'agenda economica del giorno.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.