📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Auto, Ue: dal Consiglio via libera al Regolamento Euro 7. Le novità

Pubblicato 25.09.2023, 13:19
© Reuters.

Investing.com -- Il Consiglio europeo ha adottato oggi la sua posizione sulla proposta di regolamento per l'omologazione di veicoli a motore e motori, nonché di sistemi, componenti ed entità tecniche destinati a tali veicoli, riguardo alle loro emissioni e alla durata delle batterie, meglio nota come Euro 7. Il nuovo regolamento, che per la prima volta riguarda le autovetture, i furgoni e i veicoli pesanti in un unico atto giuridico, mira a stabilire norme più adeguate per le emissioni dei veicoli e a ridurre ulteriormente le emissioni inquinanti del trasporto stradale.

Ma la normativa stabilisce anche limiti per le emissioni non di scarico, come le particelle provenienti da freni e pneumatici. Una previsione richiesta in particolare da Italia, Francia, Spagna e Repubblica Ceca, per introdurre un controllo sull’inquinamento prodotto dai veicoli elettrici.

Inoltre, l’Euro 7 prevede requisiti minimi di prestazione per la durata delle batterie delle auto elettriche e impone requisiti più severi per la durata del veicolo. Il regolamento prevede anche l'uso di tecnologie avanzate e di strumenti di monitoraggio delle emissioni.

Ulteriore novità, su cui si basava la proposta della Spagna appoggiata da Italia, Francia e Repubblica Ceca, riguarda l’estensione del periodo entro il quale le nuove disposizioni saranno applicate, portato a due anni e mezzo dall’entrata in vigore del regolamento per le auto, invece di due anni.

La posizione del Consiglio, spiega Bruxelles in una nota, “trova un equilibrio tra requisiti rigorosi per le emissioni dei veicoli e investimenti aggiuntivi per l'industria, in un momento in cui le case automobilistiche europee stanno attraversando una fase di trasformazione verso la produzione di auto a emissioni zero”.

L'approccio generale mantiene i limiti di emissione e le condizioni di prova esistenti per i veicoli leggeri. Nel caso dei veicoli pesanti, i limiti di emissione sono più bassi e le condizioni di prova leggermente modificate. L'Euro 7 contiene anche una disposizione speciale sugli autobus urbani per garantire la coerenza con l'obiettivo di emissioni zero per questi veicoli proposto di recente per il 2030.

"Successo dell'Italia in Europa, dove il regolamento Euro 7 ha recepito le proposte concrete del nostro Paese che conciliano tutela dell'ambiente e salvaguardia delle produzioni europee senza regali a Paesi leader dell'elettrico come la Cina", esulta il ministero dei Trasporti in una nota.

Il provvedimento, prosegue il Mit, “è significativo perché mette in minoranza le posizioni ideologiche della sinistra europea, e può essere un passo importante in vista della futura maggioranza. Il successo sul tema automotive si somma a un altro dossier significativo, quello relativo al Brennero con la netta presa di posizione della Commissaria Valean sulla procedura di infrazione contro l'Austria per i divieti unilaterali. È l'ennesima conferma della ragionevolezza e della solidità delle richieste italiane, ribadite da Matteo Salvini anche nel Consiglio informale dei ministri dei Trasporti Ue a Barcellona".

Secondo il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, “Il fronte della responsabilità sul regolamento Euro 7 è riuscito in quello che molti ritenevano impossibile: un vero ribaltamento delle forze in campo, che cambia la maggioranza in Ue”.

A margine del Consiglio Competitività in corso a Bruxelles, il ministro ha affermato che “il testo approvato oggi, profondamente migliorato rispetto alla proposta iniziale della Commissione, risponde ad una visione finalmente concreta, realistica, pragmatica più volte reclamata dall'Italia”. In sostanza, ha concluso Urso, “Prevale finalmente la ragione sulla ideologia”.

Potete iscrivervi gratuitamente al prossimo webinar del 26 settembre " Primi passi nell'analisi tecnica (Parte 3)" a QUESTO LINK.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.