📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Ast Terni, incontro al Mise su piano, sindacati scettici

Pubblicato 07.10.2014, 19:30
Aggiornato 09.10.2014, 03:30
Ast Terni, incontro al Mise su piano, sindacati scettici
TKAG
-
KOR200c1
-

ROMA (Reuters) - È iniziato con due ore e mezzo di ritardo, al ministero dello Sviluppo economico, un tavolo convocato dal governo sul piano industriale per la siderurgica Ast di Terni, da tempo in crisi.

Lo riferisce il segretario della Uilm Mario Ghini in un comunicato. Il confronto tra la ThyssenKrupp (DE:TKAG), proprietaria dell'impianto, e i sindacati nel tardo pomeriggio è stato allargato al governo. Il confronto è stato poi aggiornato a domani alle 15, quando riprenderà.

"Da come si mettono le cose crediamo che gli spazi necessari per giungere ad una soluzione della vertenza Ast di Terni si vadano sempre più restringendo e non in senso positivo", ha commentato prima della proposta del governo il sindacalista della Uilm che, insieme con i rappresentanti delle altre delegazioni sindacali, si è riunito nel Parlamentino del Dicastero dello sviluppo economico con la controparte, poi anche con l'esecutivo.

Il gruppo tedesco ha presentato un piano di ristrutturazione per Terni che prevede un taglio dei costi pari a 100 milioni di euro all'anno anche attraverso tagli al personale.

Attualmente il sito siderurgico conta 550 addetti. A inizio settembre le parti hanno firmato un accordo per il ritiro della procedura di mobilità dei lavoratori.

I sindacati contestano il piano: "Tra noi e L'azienda si registrano tuttora forti differenze. Negoziato difficile", aveva detto Ghini.

Per Attilio Romanelli, segretario della Cgil di Terni, ha aggiunto: "Noi abbiamo contestato il piano dell'azienda perché abbiamo detto che non era un piano industriale ma era un piano finanziario (): c'è solo un piano di contenimento della spesa, non c'è un piano prospettico che consenta di guardare lo stabilimento, anche nella crisi, proiettato nel futuro perché si riducono gli organici, si riducono le attività produttive, si riducono i volumi, si riducono gli spazi commerciali".

A fine settembre il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi ha detto che il piano è finalizzato a rilanciare l'azienda e che il governo si impegna a intervenire per ridurre i costi energetici.

L'Italia è il secondo produttore di acciaio in Europa dopo la Germania.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.