😎 Saldi d’estate esclusivi - Fino al 50% di sconto sugli stock picks di InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Biden e McCarthy vicini ad accordo su tetto debito Usa mentre incombe rischio default

Pubblicato 26.05.2023, 08:26
© Reuters. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parla in occasione del primo anniversario della sparatoria alla Robb Elementary School di Uvalde, Texas, durante un evento alla Casa Bianca a Washington, Stati Uniti, 24 maggio 2023. REUTERS/Kevin Lamarque

WASHINGTON (Reuters) - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il repubblicano Kevin McCarthy, speaker della Camera dei rappresentanti, sono vicini a concludere l'accordo per innalzare il tetto del debito pubblico, pari a 31.400 miliardi di dollari, per due anni, limitando al contempo le spese sulla maggior parte delle voci. 

Lo ha riferito un funzionario statunitense alla Reuters.

L'accordo, che non è definitivo, aumenterebbe i fondi per la spesa discrezionale per i militari e i veterani, mantenendo sostanzialmente la spesa discrezionale non legata alla difesa ai livelli dell'anno in corso, ha detto il funzionario, che ha chiesto di parlare in condizioni di anonimato poiché non autorizzato a divulgare discussioni interne.

La Casa Bianca sta valutando la possibilità di ridimensionare il piano per aumentare i finanziamenti all'Internal Revenue Service per assumere più revisori e colpire gli americani più ricchi, ha aggiunto il funzionario.

© Reuters. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parla in occasione del primo anniversario della sparatoria alla Robb Elementary School di Uvalde, Texas, durante un evento alla Casa Bianca a Washington, Stati Uniti, 24 maggio 2023. REUTERS/Kevin Lamarque

Un secondo funzionario statunitense ha detto che il finanziamento dell'Irs è una questione ancora aperta, ma l'obiettivo principale è garantire che l'agenzia metta in atto le priorità del presidente, anche nel caso in cui ci sia un piccolo taglio dei fondi o se questi venissero ridirezionati.

L'accordo finale specificherebbe l'importo totale che il governo può spendere per programmi discrezionali come l'edilizia abitativa e l'istruzione, secondo una fonte vicina alle trattative, senza però suddividerlo in singole categorie. Alle due parti mancherebbe definire solo 70 miliardi di dollari rispetto a una cifra totale che supererebbe di gran lunga i 1.000 miliardi di dollari, secondo un'altra fonte.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.