📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Eni promette più gas a Europa per ridurre dipendenza da Russia

Pubblicato 18.03.2022, 18:37
© Reuters. Il logo Eni presso una stazione di servizio a Roma.  REUTERS/Alessandro Bianchi
ENI
-
LCO
-

MILANO (Reuters) - Eni (MI:ENI) è in grado di fornire risorse addizionali di gas per contribuire a ridurre la dipendenza dalla Russia e al contempo intende accelerare i propri obiettivi di decarbonizzazione.

E' quanto ha detto il gruppo nel suo piano strategico 2022-2025 presentato oggi e che prevede investimenti di circa 7 miliardi di euro in media all'anno, con una generazione di cassa operativa di circa 55 miliardi nell'arco del piano a sostegno di un miglioramento della politica di remunerazione agli azionisti.

"La nostra risposta immediata alla crisi attuale è stata quella di ricorrere alle nostre alleanze consolidate con i Paesi produttori per reperire fonti sostitutive di energia da destinare alle necessità europee", ha detto l'AD Claudio Descalzi in un comunicato.

Eni, ha aggiunto, potrà fornire oltre 14 Tfc (trillion cubic feet) di risorse addizionali di gas nel breve e medio termine su un portafoglio globale di riserve e risorse attualmente pari a 50 Tfc.

Con i progetti gas, come quelli in Congo, Angola, Egitto, Indonesia, Nigeria e Mozambico, posizionati per rifornire mercati chiave il gruppo si aspetta che si possano raggiungere oltre 15 milioni di tonnellate per anno di volumi contrattualizzati entro la fine del piano.

Sotto il profilo della remunerazione agli azionisti Eni ha annunciato un aumento del dividendo e un piano di buyback da 1,1 miliardi di euro.

In particolare, il dividendo complessivo annuale salirà a 0,88 euro per azione da 0,86 euro, sulla base del prezzo di riferimento del Brent tra 80 e 90 dollari al barile.

© Reuters. Il logo Eni presso una stazione di servizio a Roma.  REUTERS/Alessandro Bianchi

Per quanto riguarda invece il piano di buyback Eni ha specificato che aggiornerà la propria valutazione sullo scenario a luglio e ottobre e che con un prezzo del Brent a oltre 90 dollari aumenterà gli acquisti di azioni proprie per un ammontare pari al 30% del free cash flow incrementale associato.

In tema di percorso verso le zero emissioni Eni ha fissato target più aggressivi rispetto a quelli precedentemente annunciati puntando adesso ad una riduzione del 35% entro il 2030 e dell'80% entro il 2040 rispetto al 2018.

(Steve Jewkes, Andrea Mandalà, editing Sabina Suzzi)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.