📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Funzionari Fed cauti in attesa dati che confermino rallentamento inflazione

Pubblicato 18.06.2024, 18:18
© Reuters. L'esterno del Marriner S. Eccles Federal Reserve Board Building a Washington, D.C., Stati Uniti, 14 giugno 2022. REUTERS/Sarah Silbiger/File Photo

(Reuters) - I funzionari della Federal Reserve, incoraggiati dagli ultimi dati, sono alla ricerca di ulteriori conferme che l'inflazione si stia raffreddando in modo duraturo e di eventuali segnali di allarme provenienti da un mercato del lavoro ancora forte, mentre si orientano con cautela verso un potenziale allentamento della politica monetaria nel corso dell'anno.

"Mi aspetto che i tassi di interesse scendano gradualmente nei prossimi due anni, in considerazione del fatto che l'inflazione sta tornando al nostro obiettivo del 2% e che l'economia si sta muovendo su un percorso sostenibile molto forte", ha detto il presidente della Fed di New York John Williams in un'intervista al canale televisivo Fox Business.

Williams, tuttavia, ha preferito non dire quando ciò potrebbe avvenire. Attualmente i mercati finanziari prevedono un primo taglio dei tassi a settembre.

"Non ho intenzione di fare previsioni" sul percorso esatto della politica monetaria. Ciò che accadrà "dipende dall'evoluzione dei dati", ha detto, aggiungendo: "penso che le cose si stiano muovendo nella giusta direzione" per un eventuale allentamento.

Per il presidente della Fed di Richmond, Thomas Barkin, la chiave è che le pressioni sui prezzi si allentino in modo persistente sia nei servizi che nei beni.

In un'intervista via web a MNI, Barkin ha detto: "Siamo chiaramente nella parte finale dell'inflazione". Ha poi aggiunto di aver trovato "incoraggianti" i dati recenti che mostrano che i prezzi al consumo non sono aumentati affatto da aprile a maggio. Tuttavia, ha proseguito, la discontinuità dei dati dall'anno scorso significa che il percorso da seguire non è chiaro.

"Ne sapremo di più nei prossimi mesi e credo che la politica monetaria sia in una buona posizione per reagire", ha detto.

I commenti dei due funzionari sono stati i primi interventi pubblici dopo la riunione della Fed della scorsa settimana, quando la banca centrale ha mantenuto il tasso di interesse di riferimento nell'intervallo 5,25%-5,50%.

La Fed ha inoltre reso note le proiezioni economiche aggiornate che mostrano come i funzionari abbiano ridimensionato le aspettative sui tagli dei tassi per quest'anno, portandole a uno rispetto ai tre previsti a marzo, dopo i dati sull'inflazione più elevati del previsto nei primi mesi del 2024.

La maggior parte degli analisti associa un minor numero di tagli dei tassi a un inizio più tardivo, soprattutto dopo che il presidente della Fed Jerome Powell ha detto che il primo taglio dei tassi sarà "consequenziale" perché potrebbe azzerare le aspettative del mercato.

© Reuters. L'esterno del Marriner S. Eccles Federal Reserve Board Building a Washington, D.C., Stati Uniti, 14 giugno 2022. REUTERS/Sarah Silbiger/File Photo

Per la Fed, "il compito numero uno è assicurarsi che l'inflazione torni al 2%", ha detto Williams, respingendo l'idea che la banca centrale possa tollerare che l'inflazione si mantenga intorno al livello del 3%.

Williams ha inoltre sottolineato il dibattito sul fatto che alcuni dati recenti potrebbero sovrastimare i solidi guadagni del mercato del lavoro. Nel complesso, i dati "mi dicono in modo convincente che abbiamo ancora un mercato del lavoro molto forte e che stiamo assistendo a un rallentamento delle assunzioni", ha detto Williams. Ma ha riconosciuto che alcune parti dei dati sull'occupazione potrebbero essere "sopravvalutate", aggiungendo che ci vorrà del tempo per confermarlo.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.