🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Con prezzi del petrolio così alti perché esplorazione e produzione sono così basse?

Pubblicato 17.02.2022, 13:04
CL
-
NG
-
BP
-

La versione originale di questo articolo, in inglese, è stata pubblicata il 17 febbraio 2022

I prezzi del petrolio sono i più alti di oltre sette anni, il che generalmente è un buon segno per le società petrolifere e per l’espansione dell’industria. Tuttavia, stiamo assistendo ad un dilemma.

Crude Oil WTI Weekly Chart

Con prezzi del petrolio a livelli tanto alti, dovrebbe esserci una maggiore attività di esplorazione e produzione (E&P), eppure non è così.

Secondo Amrita Sen di Energy Aspects, l’industria necessita di “almeno 520 miliardi di dollari di investimenti all’anno” solo per mantenere la produzione globale a 100 milioni di bpd. Tuttavia, in base alla sua analisi, l’industria sta investendo solo 370 miliardi.

Perché non ci sono più investimenti e cosa significa questa carenza di E&P per il mercato sul lungo termine?

Cosa sta frenando esplorazione e produzione

Negli Stati Uniti, la produzione è 1,6 milioni di bpd in meno rispetto al gennaio 2020, sebbene i prezzi siano più alti di almeno 35 dollari al barile e quindi più allettanti per i produttori.

Il numero degli impianti di trivellazione attivi è ancora di circa 500, rispetto ai quasi 700 pre-pandemia. Ciò indica che la produzione non sta crescendo così tanto malgrado il potenziale di profitti maggiori.

Indicatori come il sondaggio della Fed di Dallas e altri ci dicono che i produttori statunitensi sono particolarmente preoccupati riguardo agli investimenti sulla produzione per varie ragioni al momento. Alcune di queste ragioni riguardano solo la situazione USA, ma altre hanno un impatto anche su società che operano al di fuori degli Stati Uniti.

  1. Incertezza regolatoria: Le regolamentazioni federali che riguardano la produzione di petrolio e gas sono in continuo mutamento, soprattutto le norme che regolano emissioni, permessi e affitti. Nonostante il potenziale di profitti a breve termine, i produttori negli USA temono come le politiche governative possano colpire eventuali investimenti effettuati ora, soprattutto quelli su progetti più a lungo termine.
  2. Esitazione dei finanziatori: Allo stesso modo, banche ed investitori sono insicuri sulle future politiche governative. Molte grandi banche sono anche state oggetto di intimidazioni da parte degli attivisti per i grossi investimenti sulle società di greggio e gas negli ultimi anni, e affrontano pressioni per disinvestire sull’intero settore. Queste pressioni e l’incertezza disincentivano ad interessarsi all’industria del petrolio e del gas.
  3. Posizioni ambientaliste: Con così tanta incertezza, i produttori di petrolio e gas hanno paura di attirare le ire del movimento ambientalista. E questo li può spingere a non impegnarsi ad espandersi E&P. Questa situazione riguarda soprattutto le società europee, dove le politiche governative scoraggiano i produttori dal dare il via a nuovi progetti di esplorazione e produzione. Molte aziende, come BP (NYSE:BP), continuano a destinare più denaro ed investimenti a progetti non legati a petrolio e gas anche se i prezzi sono alti e le vendite di greggio e la raffinazione restano le loro maggiori fonti di ricavi e profitti.
  4. Quotazioni: Le compagnie petrolifere stanno dimostrando di preferire quotazioni alte a breve termine. Da quando il prezzo del petrolio aveva iniziato a scendere nel 2014, i produttori hanno ridotto le attività E&P per i prezzi bassi. Hanno tagliato anche gli investimenti nel tentativo di proteggere le loro stesse quotazioni. Ora che i prezzi del petrolio sono di nuovo alti, i produttori potrebbero reinvestire i ricavi in E&P (con tutte le agevolazioni contabili e gli sgravi fiscali che comportano), oppure utilizzarli per spingere i prezzi delle loro azioni tramite dividendi ed eccellenti utili. Gran parte del settore ha scelto la seconda opzione, preoccupandosi dei prezzi alti delle azioni e dei dividendi nel presente e nell’immediato futuro, a spese di E&P. (Non si tratta solo di produttori statunitensi).

Cosa comporta la carenza di E&P per il mercato energetico e l’industria

Per il mercato, una crescita smorzata della produzione significa meno rischi di un esubero nell’immediato futuro. In effetti, sul lungo termine (tra molti anni) potremmo vedere una considerevole carenza di scorte se i produttori non cominceranno presto ad investire di più su E&P.

Per l’industria, un’attività E&P limitata significa che i prezzi di molti titoli azionari saranno alti fino a quando il prezzo del petrolio resterà alto, ma molti produttori soffriranno nei prossimi anni se non troveranno una maniera per produrre. Negli anni a venire, i produttori che hanno investito su E&P, o che possono acquisire asset pronti a produrre, avranno un enorme vantaggio su quelli che non erano preparati per il futuro.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.