Ricevi uno sconto del 40%

Rialzo nei Mercati: Uber, Nvidia, Warren Buffett e Bitcoin al Centro dell'Azione

Pubblicato 15.02.2024, 09:19
Aggiornato 12.03.2024, 12:10


La paura dell'inflazione sembra essere svanita in una sola seduta. Nonostante un rialzo dei mercati di oltre il 20% dai minimi di fine ottobre e con una solaa settimana di correzione nelle ultime 15, i mercati stanno cercando di rimbalzare, recuperando circa due terzi delle perdite registrate martedì. I commenti dovish del presidente della Fed di Chicago Goolsbee hanno contribuito a questo rimbalzo, mentre la natura ordinata della correzione (senza segni di vendite di panico) suggerisce che il mercato è ancora focalizzato sul cambiamento di rotta della Fed (anche se in modo meno aggressivo) e sul contesto di crescita degli Stati Uniti, insieme alle previsioni stabili di guadagno per il 2024.

Ieri, l'indice S&P 500 ha registrato un aumento del +0,96%, mentre il Nasdaq 100 è salito del +1,18%. I commenti accomodanti del presidente della Federal Reserve di Chicago, Goolsbee, hanno influenzato positivamente i rendimenti obbligazionari, favorendo gli investimenti in titoli azionari, sostenendo come dati leggermente più alti sull'inflazione per alcuni mesi rimarrebbero comunque coerenti con il percorso di ritorno all'obiettivo del 2% della Fed.

Un totale di 388 titoli dello S&P 500, rappresentanti circa due terzi delle azioni dell'indice, hanno chiuso ieri in rialzo. Uber (NYSE:UBER) ha guidato questa tendenza con un aumento di oltre il 14%, raggiungendo nuovi massimi storici, dopo l'annuncio di un piano di riacquisto di azioni del valore di 7 miliardi di dollari. Degli 11 settori dell'S&P, nove hanno chiuso in rialzo, trainati dai settori industriali XLI, servizi di comunicazione XLC e tecnologia XLK. Le azioni tecnologiche sensibili ai tassi sono tornate in auge, con NVIDIA (+2,4%), AMD (NASDAQ:AMD) (+4,2%) e Intel (NASDAQ:INTC) (+2,4%) che hanno registrato i maggiori guadagni.

Performance componenti S&P 500 seduta di ieri

Nvidia continua a essere al centro dell'attenzione, sorpassando non solo Amazon (NASDAQ:AMZN) ma anche Google (NASDAQ:GOOGL), portando la sua capitalizzazione complessiva a circa 1.825 miliardi di dollari. Solo dall'inizio dell'anno, il valore dell'azienda è cresciuto di circa 636 miliardi, ovvero circa il 75% dell'intera capitalizzazione del nostro FTSE MIB. Con l'avvicinarsi della presentazione dei conti tra circa una settimana, l'anticipazione cresce costantemente. Nonostante i multipli forward siano attualmente elevati, essi si collocano a livelli inferiori rispetto alla media nel periodo da ottobre 2022 ad oggi. Il rapporto P/E si attesta a 36,8x rispetto a una media di 41,9x, l'EV/EBITDA a 29,1x contro una media di 44,9x, il P/FCF a 104,2x contro una media di 124,2x, e l'EV/EBIT a 31,7 contro una media di 36,4x. L'unico multiplo che registra un aumento è il rapporto P/S, che si posiziona a 20,4 xrispetto a valori precedenti di 17,7x.
Multipli Nvidia da Ottobre 2022 (lancio ChatGPT)

L'Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha deciso di ridurre le sue posizioni in Apple (NASDAQ:AAPL), secondo i documenti. La società ha tagliato addirittura del 78% le sue partecipazioni nel produttore di stampanti e PC HP, vendendo quasi 80 milioni di azioni nel quarto trimestre. Inoltre, ha ceduto il 32% della sua partecipazione nella società di media Paramount Global, con la vendita di 30,4 milioni di azioni. Berkshire Hathaway non ha segnalato alcun nuovo investimento nel quarto trimestre del 2023, anche se ha incrementato le sue partecipazioni nell'operatore radio satellitare SiriusXM e nelle major petrolifere Chevron e Occidental Petroleum. Questa mossa riflette un alleggerimento nelle tecnologie e nelle comunicazioni dopo un forte rally, con un'inclinazione verso il settore energetico che suggerisce potenziali indicazioni di una rotazione settoriale. Berkshire Hathaway, attualmente l'ottava società al mondo per capitalizzazione complessiva, con un valore di circa 865 miliardi di dollari, ha mantenuto una crescita costante in borsa dal 2016. Dal 1976, ha generato una performance negativa annua solo in sette anni su 45 (se sei anni se il prezzo è aggiustato per i dividendi).

Performance Berkshire

La crescita di Bitcoin continua senza mostrare segni di arresto, con il suo prezzo che supera i 50.000 dollari e il valore complessivo che oltrepassa la soglia di 1 trilione di dollari per la prima volta dal dicembre 2021. Da dicembre 2022, Bitcoin ha aggiunto circa 700 miliardi di dollari alla sua capitalizzazione di mercato. Inoltre, per la prima volta dall'aprile 2022, la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute ha superato i 2.000 miliardi di dollari. Il Bitcoin è tornato in grande stile, e negli ultimi due anni, le criptovalute hanno aggiunto circa 1.300 miliardi di dollari di valore complessivo. L'attenzione del settore si concentra ora sul prossimo halving di Bitcoin, previsto tra circa 63 giorni. Questo evento, che si verifica approssimativamente ogni quattro anni, riduce a metà la ricompensa per i miner di Bitcoin, potenzialmente influenzando l'offerta e la domanda della criptovaluta. Inoltre, si guarda con interesse all'eventuale approvazione di un ETF su Ethereum, che potrebbe rappresentare un passo significativo nella legittimazione delle criptovalute nei mercati finanziari tradizionali.

Halving Bitcoin


Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.