📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Un titolo da comprare e uno da vendere questa settimana: Oracle e Apple

Pubblicato 10.06.2024, 07:27
NDX
-
US500
-
DJI
-
MSFT
-
ORCL
-
ADBE
-
AAPL
-
NVDA
-
AVGO
-
IXIC
-

I titoli a Wall Street hanno chiuso venerdì in rialzo, segnando una settimana vincente dopo che il solido report sui posti di lavoro negli Stati Uniti ha alimentato l’ottimismo degli investitori su un atterraggio morbido dell’economia.

Sulla settimana, gli indici S&P 500 e Nasdaq Composite sono saliti rispettivamente dell’1,3% e del 2,4% rispettivamente, mentre il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,3%.https://d1-invdn-com.investing.com/content/4cccb21337e503d15dc2ccc653e769ff.png

Fonte: Investing.com

La settimana che ci attende si preannuncia ricca di eventi, tra cui l’ultimo vertice di politica monetaria della Federal Reserve.

Si prevede che mercoledì la banca centrale americana lascerà invariati i tassi d’interesse, ma il presidente della Fed Jerome Powell potrebbe dare indicazioni su quando potrebbero iniziare i tagli dei tassi quando parlerà nella conferenza stampa post-vertice.

Nel frattempo, sul calendario economico, la notizia più importante sarà il report sull’inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti per il mese di maggio, che dovrebbe mostrare un aumento annuale dell’IPC del 3,4%, pari all’aumento registrato in aprile.Weekly Events

Fonte: Investing.com

Gli investitori hanno ampiamente rimandato le aspettative per il primo taglio della Fed a settembre, secondo quanto riportato dallo Strumento di monitoraggio dei tassi della Fed di Investing.com.

Per quanto riguarda gli utili, sono previsti solo pochi risultati societari, tra cui Oracle (NYSE:ORCL), Broadcom (NASDAQ:AVGO) e Adobe (NASDAQ:ADBE), mentre la stagione dei bilanci di Wall Street si avvia alla conclusione.

Indipendentemente dalla direzione che prenderà il mercato, qui di seguito evidenzio un titolo che potrebbe essere richiesto e un altro che potrebbe subire un nuovo ribasso. Ricordate però che il mio orizzonte temporale è solo per questa settimana, da lunedì 10 a venerdì 14 giugno.

Da comprare: Oracle

Mi aspetto una forte performance da Oracle questa settimana, con un potenziale breakout verso un nuovo record all’orizzonte, in quanto l’azienda di software e cloud probabilmente fornirà un altro trimestre di forte crescita della linea superiore e inferiore e fornirà una prospettiva ottimistica grazie all’ampia forza del suo business cloud.

Oracle pubblicherà la relazione sugli utili del quarto trimestre fiscale dopo la chiusura del mercato statunitense, martedì alle 16:05 ET. Alle 17:00 è prevista una telefonata con l’amministratore delegato Safra Catz e il presidente e responsabile tecnologico Larry Ellison.

Secondo il mercato delle opzioni, gli operatori di mercato si aspettano una notevole oscillazione del titolo ORCL dopo il calo dell’aggiornamento del quarto trimestre, con un possibile movimento implicito del 7,6% in entrambe le direzioni.

Secondo i dati di InvestingPro, quest’anno gli utili hanno catalizzato le oscillazioni delle azioni, che hanno registrato un’impennata del 13,4% in occasione dell’ultimo rapporto trimestrale della società, a marzo. Oracle Earnings Page

Fonte: InvestingPro

Va notato che 10 dei 23 analisti che coprono la società hanno rivisto al rialzo le loro previsioni di profitto e di vendita prima del report.

Secondo Wall Street, il gigante dei database con sede a Austin, Texas, guadagnerà 1,65 dollari per azione nel trimestre di maggio, circa l’1% in meno rispetto all’anno precedente.

Nel frattempo, si prevede che il fatturato aumenterà del 5,6% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 14,57 miliardi di dollari, grazie alla forte crescita dei servizi cloud e del segmento di supporto alle licenze, che stanno ricevendo una spinta dalla domanda delle aziende di IA generativa.

Per questo motivo, ritengo che il management di Oracle fornirà prospettive ottimistiche per il trimestre in corso, in quanto l’attività cloud dell’azienda tecnologica è ben posizionata per beneficiare del crescente trend dell’IA e della sua stretta partnership con Nvidia (NASDAQ:NVDA). Oracle Chart

Fonte: Investing.com

Il titolo ORCL ha chiuso venerdì a 125,92 dollari, circa il 5% in meno rispetto al suo massimo storico di 132,77 dollari. Con una capitalizzazione di mercato di 346 miliardi di dollari, Oracle è una delle aziende di software per database e cloud computing di maggior valore al mondo.

Le azioni sono in rialzo del 19,4% annuo, insieme a gran parte del settore tecnologico.

Vale la pena ricordare che Oracle ha un “Financial Health Score” superiore alla media, che evidenzia le sue solide prospettive di guadagno e di redditività. Inoltre, va notato che la società ha aumentato il proprio dividendo per 10 anni consecutivi.

Abbonati subito a InvestingPro e posiziona il tuo portafoglio un passo avanti a tutti gli altri!

Da vendere: Apple

Prevedo una settimana deludente per Apple (NASDAQ:AAPL), in quanto il gigante dell’iPhone ospita la Worldwide Developers Conference (WWDC), durante la quale dovrebbe fornire un aggiornamento sulla sua strategia di intelligenza artificiale.

L’evento di cinque giorni prenderà il via presso la sede centrale di Apple a Cupertino, in California, lunedì 10 giugno, con un discorso programmatico dell’amministratore delegato Tim Cook che si terrà alle 13.00 ET / 10.00 PT.

Non ci sono conferme ufficiali sull’ordine del giorno dell’evento, ma si prevede che Apple si concentrerà in modo particolare sui progressi dell’intelligenza artificiale generativa, evidenziandone l’integrazione nel software attuale. Il principale di questi sarà il rifacimento dell’assistente digitale ad attivazione vocale Siri.

Alla WWDC 2024 il conglomerato dell’elettronica di consumo parlerà anche dei prossimi sistemi operativi per iPhone, iPad, Mac, Apple Watch e cuffie Apple Vision.

L’evento WWDC di Apple ha una storia di movimenti del titolo AAPL, che spesso si traducono in movimenti considerevoli in un solo giorno. In passato, le azioni hanno registrato un’impennata nei tre giorni di negoziazione precedenti l’evento, per poi sottoperformare nei tre giorni successivi. Apple Chart

Source: Investing.com

Il titolo AAPL ha chiuso la seduta di venerdì a 196,89 dollari, il prezzo di chiusura più alto dal 19 dicembre 2023. Attualmente le azioni sono a meno del 2% dal massimo storico di 199,62 dollari.

Con la sua valutazione attuale, Apple ha un valore di mercato di 3.020 miliardi di dollari, il che la rende la seconda società di maggior valore quotata alla borsa statunitense, dopo Microsoft (NASDAQ:MSFT) e davanti a Nvidia.

Le azioni sono salite solo del 2,2% nel 2024, con una performance nettamente inferiore a quella del mercato generale.

Va notato che il titolo Apple è sopravvalutato secondo i modelli quantitativi basati sull’intelligenza artificiale di InvestingPro, che indicano un potenziale ribasso del 15% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì. Apple Fair Value

Fonte: InvestingPro

Una simile mossa porterebbe le azioni più vicine al loro prezzo “Fair Value” di 167,29 dollari.

Non dimenticate di consultare InvestingPro per rimanere in sintonia con l’andamento del mercato e con le sue implicazioni per il vostro trading.

I lettori di questo articolo possono usufruire di uno sconto limitato del 40% sui piani Pro annuali e biennali con i codici coupon PROTIPS2024 (annuale) e PROTIPS20242 (biennale).

Sia che siate investitori alle prime armi o trader esperti, l’utilizzo di InvestingPro può sbloccare un mondo di opportunità di investimento riducendo al minimo i rischi in un contesto difficile, caratterizzato da rallentamento della crescita economica, inflazione elevata, tassi di interesse elevati e crescenti turbolenze geopolitiche.

Abbonatevi qui e sbloccate l’accesso a:

  • ProPicks: Azioni vincenti selezionate dall’intelligenza artificiale con un comprovato track record.
  • Fair Value: Scoprite immediatamente se un titolo è sottovalutato o sopravvalutato.
  • ProTips: Approfondimenti in pillole per semplificare i dati finanziari complessi.
  • Stock Screener avanzato: Cerca i titoli migliori in base a centinaia di filtri e criteri selezionati.
  • Top Ideas: Scoprite quali azioni stanno acquistando investitori miliardari come Warren Buffett, Ray Dalio, Michael Burry e George Soros.

InvestingPro Offer

Nota: Al momento della scrittura, sono long sull’S&P 500 e su Nasdaq 100 tramite lo SPDR S&P 500 ETF (SPY) e l’Invesco QQQ Trust ETF (QQQ).

Riequilibro regolarmente il mio portafoglio di singoli titoli e di ETF in base alla valutazione continua del rischio sia del contesto macroeconomico che dei risultati finanziari delle società.

Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente quelle dell’autore e non devono essere considerate come consigli di investimento.

Seguite Jesse Cohen su X/Twitter @JesseCohenInv per ulteriori analisi e approfondimenti sul mercato azionario.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.