📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Fed: mossa da falco ma porta ancora aperta per taglio a settembre

Pubblicato 13.06.2024, 14:57
© Reuters

Investing.com – A differenza della Bce, la forza dell’economia e un’inflazione che non demorde non hanno consentito alla Fed di iniziare l’allentamento della stretta monetaria. Anzi, il comitato ha ridotto le previsioni sul numero di tagli ai tassi d’interesse per quest’anno, con l’asticella che ora si è abbassata a un’unica riduzione di 25 punti base. D’altra parte, un ipc più blando del previsto non chiude la porta ad altri colpi di scena nei prossimi mesi. Per cercare di fare chiarezza in mezzo a tanti dati e atteggiamenti discordanti, Investing.com ha raccolto i commenti degli analisti sull’ultima riunione della Banca centrale americana.

James McCann, vicecapo economista di abrdn

Nessuna sorpresa dalla Fed che ha lasciato invariata la politica monetaria, ma che continua a tenere aperta la porta a tagli dei tassi nel corso di quest'anno. In effetti, la mediana dei membri del FOMC prevede ora un solo taglio dei tassi nel 2024, rispetto ai tre previsti a marzo.

Questa svolta da falco è stata probabilmente una reazione alla crescita dei prezzi più forte del previsto all'inizio del 2024, che ha costretto i membri del comitato a rivedere ancora una volta al rialzo le loro previsioni sull'inflazione. Tuttavia, l’attuale sorpresa al ribasso dell'inflazione CPI è stata più incoraggiante e, con la maggioranza dei membri divisi tra uno o due tagli, non saremmo sorpresi di vedere i prezzi di mercato continuare a fantasticare su più tagli dei tassi quest'anno.

Álvaro Sanmartín, Chief Economist, Amchor IS

Dopo le sorprese al rialzo dell'inflazione nei primi tre mesi dell'anno, la Fed cerca di essere cauta: ha mantenuto i tassi invariati e ha ridotto il numero di tagli dei tassi previsti per quest'anno da 3 a 1, secondo il "dot plot".

Detto questo, Powell è chiaramente soddisfatto degli ottimi dati sull'inflazione di ieri e non sarei sorpreso se, nel caso in cui i prossimi dati sull'inflazione dovessero risultare positivi, la Fed decidesse di tagliare i tassi a settembre.

In questo contesto dovish "mascherato", ci sono alcuni elementi da evidenziare. In primo luogo, i dot plot segnalano ora un solo taglio dei tassi per quest'anno, ma aumentano a quattro i tagli previsti per il prossimo anno, dai precedenti tre, e il tasso previsto per il 2026 viene mantenuto allo stesso livello di prima. Si tratta quindi solo di un leggero ritardo rispetto alle previsioni della riunione precedente.

Inoltre, Powell si è compiaciuto del fatto che il mercato del lavoro abbia raggiunto un livello di equilibrio tra domanda e offerta simile a quello che esisteva prima della pandemia. Chiaramente ritiene che la politica monetaria sia sufficientemente restrittiva per ridurre l'inflazione.

La Fed ha anche ribadito il suo ottimismo per quanto riguarda il contesto macro, disegnando uno scenario di progressivo calo dell'inflazione, senza che sia necessario un aumento della disoccupazione dall'attuale livello del 4% (molto basso) per ottenere questo calo.

Ricordandoci che la “Fed put” è tornata (almeno in parte), Powell ha segnalato che la banca centrale statunitense è attenta ai rischi di ribasso dell'attività economica e reagirà se necessario.

Sebbene la Fed preveda un'inflazione di fondo molto stabile da qui alla fine dell'anno, nella conferenza stampa Powell ha sottolineato che queste previsioni sono "conservative". In sostanza, sta dicendo che spera che l'inflazione finisca per essere inferiore alle attuali previsioni della Fed e che questo porterà a tagli dei tassi prima della fine dell'anno. Powell ha anche riconosciuto di essere rimasto piacevolmente sorpreso dai dati sull'inflazione.

La mia conclusione è che la Fed voglia sembrare cauta, ma sembra ansiosa di tagliare i tassi non appena un paio di buoni dati sull'inflazione confermeranno le buone notizie di oggi. Non escludo affatto un taglio dei tassi a settembre, né che ci possano essere due tagli dei tassi quest'anno. Ma, allo stesso tempo, continuo a pensare che nel 2025 assisteremo a un numero di tagli dei tassi inferiore a quello previsto dalla Fed, perché il tasso neutrale nell'attuale ciclo potrebbe essere intorno al 4%.

Informazioni Pro

Saverio Berlinzani, Senior Analyst di ActivTrades

La Federal Reserve ha mantenuto, come previsto, l'intervallo obiettivo dei Fed Funds stabile tra il 5,25% e il 5,50%, per la settima riunione consecutiva. I rappresentanti del Fomc, hanno lasciato intendere che non è ancora il momento di ridurre i tassi finché non saranno certi che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso il 2%. Nel frattempo, il dot plot mostra che i politici prevedono solo un taglio dei tassi quest’anno e quattro riduzioni nel 2025. A marzo, la Fed prevedeva tre tagli nel 2024 e tre nel 2025.

Per quel che riguarda le previsioni, la Fed non ha apportato revisioni alle proiezioni di crescita del PIL e vede ancora l’economia in espansione del 2,1% nel 2024, del 2% nel 2025 e nel 2026. Nel frattempo, l’inflazione PCE è stata rivista al rialzo per il 2024 e per l’anno prossimo, ma è stata mantenuta al 2% per il 2026. Anche l’inflazione core PCE è stata rivista al rialzo al 2,8% nel 2024 (rispetto al 2,6%) e nel 2025 (2,3% rispetto al 2,2%), ma è stata mantenuta al 2% per il 2026. Il tasso di disoccupazione è previsto al 4% per il 2024, stesso come previsto a marzo, ma è previsto leggermente più alto al 4,2% nel 2025 (contro il 4,1%).

Va ricordato che dopo la pubblicazione dell’inflazione, secondo lo strumento FedWatch del CME, i mercati vedono una probabilità di un taglio dei tassi di settembre superiore al 70% rispetto al 52% di un giorno fa. Inoltre, la probabilità di tagli è aumentata all’84% a novembre e al 96% a dicembre. Il mercato quindi resta ancora orientato, a differenza dei rappresentanti del board, verso più di un ribasso del costo del denaro.

Richard Flax, Chief Investment Officer di Moneyfarm

La decisione della Federal Reserve di mantenere - per la settima volta - i tassi di interesse fermi al 5,50% riflette la continuità dell'approccio graduale adottato dalla banca centrale, che si mantiene prudente davanti alle tendenze inflazionistiche. Le previsioni economiche della Fed parlano ora di un'inflazione più stabile nel 2024 e di un tasso di disoccupazione leggermente più alto nel 2025.

I policymaker hanno accolto con favore una rapida decelerazione dell'aumento dei prezzi nel 2023, ma sono diventati più cauti dopo che i progressi in materia di inflazione si sono arenati all'inizio dell'anno; attualmente prevedono di abbassare il tasso di policy di soli 25 punti base quest'anno.

Vuoi iniziare a investire e guadagnare a prescindere dalle condizioni di mercato? Ecco qui l'occasione QUI E ORA per ottenere il piano annuale di InvestingPro a meno di 9 euro al mese. Usa il codice e ottieni uno sconto superiore al 40% sull'abbonamento di un anno, meno di quanto costa un abbonamento a Netflix (NASDAQ:NFLX)

Avrai a disposizione:

  • ProPicks: portafogli modello di titoli gestiti dall'intelligenza artificiale con performance comprovate.
  • ProTips: informazioni digeribili per semplificare molti dati finanziari complessi in poche parole.
  • Filtro azioni avanzato: ricerca dei titoli migliori in base alle vostre aspettative, tenendo conto di centinaia di metriche finanziarie.
  • Dati finanziari storici per migliaia di titoli: In questo modo i professionisti dell'analisi fondamentale possono approfondire tutti i dettagli.
  • E molti altri servizi, per non parlare di quelli che abbiamo in programma di aggiungere nel prossimo futuro.

Agisci in fretta e unisciti alla rivoluzione degli investimenti: ottieni la tua OFFERTA QUI!

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.