📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Borsa Milano in calo a fine mattina dopo Fed, vendute banche, Fincantieri, tiene Tim

Pubblicato 13.06.2024, 12:49
© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo
IT40
-
TLIT
-
ISP
-
CRDI
-
SPMI
-
EMII
-
FCT
-
OVS
-
GGTV
-
STLAM
-

MILANO (Reuters) - Piazza Affari si muove in deciso calo verso metà seduta, in un contesto europeo negativo.

A pesare sui listini gli esiti della riunione di ieri della Federal Reserve, che ha mantenuto i tassi fermi e soprattutto ha posticipato l'inizio degli allentamenti probabilmente a dicembre, con proiezioni che sembrano allontanare la prospettiva di una riduzione dei costi di finanziamento negli Stati Uniti prima delle elezioni presidenziali del 5 novembre.

Nel primo pomeriggio sono attesi dagli Usa i numeri sulle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, viste in lieve calo a quota 225.000 e considerate dagli operatori un buon indicatore per tenere, in ottica Fed, costantemente il polso del mercato del lavoro.

Intorno alle 12,35 l'Ftse Mib arretra dell'1,36% sui minimi di seduta. Volumi abbastanza contenuti pari a 760 milioni di euro.

I titoli in evidenza oggi

Stellantis (BIT:STLAM) arretra del 2,5% nel giorno del primo investor day, previsto alle 14 italiane. Il gruppo ha ribadito gli obiettivi finanziari per il 2024 e indicato per il 2025 una politica di distribuzione dei dividendi nella fascia alta del range del 25-30% rispetto al 25% degli ultimi anni. Un trader sottolinea che non ci sono sorprese per quanto riguarda i target e le indicazioni finanziarie per il 2024 e si aspettava la loro conferma.

Stornano le banche, in recupero ieri. La peggiore è Banca Mps (BIT:BMPS) con un calo dell'1,3%, seguita da Bper (BIT:EMII) a -0,8%. Vendute anche le big, Intesa Sanpaolo (BIT:ISP) a -0,8% e UniCredit (BIT:CRDI) a -1,4%.

Giù anche tutto il comparto energia e utility, con Saipem (BIT:SPMI) che perde il 2,5%.

Proseguono le vendite anche su Fincantieri (BIT:FCT) in calo del 4,4% penalizzata dall'annuncio del raggruppamento dei titoli 1 a 10 propedeutico all'aumento di capitale fino a un massimo da 500 milioni di euro.

Bene Tim (BIT:TLIT) in crescita dello 0,45%, sotto i massimi di seduta, dopo che Moody's ha alzato il rating a 'Ba3', con outlook positivo.

© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo

Scivola Ovs in flessione del 7% nonostante i risultati del primo trimestre siano stati in linea con le attese e leggermente migliori sui margini.

Infine, fra i minori, scatto di Giglio in crescita del 6,8% dopo l'annuncio che venderà in esclusiva il merchandising Frecciarossa a bordo dei treni grazie a un accordo siglato con Elior Group.

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.