📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Piazza Affari: altra giornata di passione.

Pubblicato 19.02.2016, 18:07
IT40
-
TLIT
-
GASI
-
UBI
-
VIV
-
PRY
-
ISP
-
CRDI
-
BMED
-
MDBI
-
BAMI
-
MFEB
-
SPMI
-
SRS
-
EMII
-
TOD
-
AST
-
LR
-
RCSM
-
BFE
-
BRUI
-
CEMI
-
IF
-
MTV
-
OLI
-
FBK
-
FCT
-
ON
-
BSTA
-


Altra giornata di passione per Piazza Affari, dove a dominare la scena è sempre la volatilità. FTSE MIB archivia la seduta cedendo l’1.16%.

Ancora sotto pressione i titoli del comparto bancario dominati ancora dall’incertezza e speculazioni. Alcune azioni hanno violato dei livelli di guardia importanti, tra cui Unicredit (MI:CRDI)(-3.40 %; 3,20 euro) che con la rottura di quota 3,30 ha modificato nuovamente lo scenario grafico ed ora se i corsi non dovessero trovare la forza di reagire, si consiglia di monitorare il supporto chiave a 2,90 euro, la cui rottura spedirà il titolo a 2,67 euro (area 2,43 secondo target).

Mandati in fumo i 2/3 dei precedenti guadagni. Il titolo in sei mesi ha ceduto circa il 50%; il 75% in 5 anni; l’88% dal 2000 ad oggi, performance da segmento AIM (dove la maggior parte dei titoli hanno ceduto oltre i 2/3 del proprio valore e che raschiano il fondo del barile). Intesa Sanpaolo(MI:ISP) (MI:ISP) (-2.0%) limita le perdite ma archivia la seduta sotto quota 2,34 euro.

Una stabilizzazione dei prezzi sotto questo riferimento aprirà le porte al test di area 2,20 euro. Ubi Banca (MI:UBI) (-1.90%) che negli ultimi tempi è diventata l’ombra di Unicredit (come se volessero fondersi), è esposta al rischio di nuove ricadute che potrebbero riportare i corsi sul supporto critico in area 3 euro. Credem (-1.50%) riduce i danni ma scende sotto il livello di guardia posizionato a 5,95 euro. Questa violazione ha permesso al titolo di portarsi fino 5,54 euro, ad un passo dal supporto a 5,53 euro, la cui violazione proietterà i corsi fino a 5,35 euro (primo target). Lo scenario migliorerà solo oltre 6,75 euro. Mediobanca(MI:MDBI) (MI:MDBI) (-0.80%) stazione ancora al di sotto di quota 6 euro, regna ancora un clima di incertezza e precarietà. Nelle prossime sedute potremmo assistere ad un ritorno dei corsi a quota 5,74 euro.

Cedono alle vendite anche altri titoli del comparto, che non hanno ancora violato i livelli di guardia ma che si trovano in un trend discendete e lontani da significative resistenze: Banca Popolare dell Emilia Romagna(MI:EMII) (MI:EMII) (-6%); Banco Popolare(MI:BAPO) (MI:BAPO) (-3.50%); Bca Pop Milano (-2.50%); Banca Generali (MI:GASI) (-1.50%); FinecoBank Banca Fineco SpA (MI:FBK) (-1.10%); Banca Finnat Euramerica SpA (MI:BFE) (-0.50%). Banca Mediolanum (MI:BMED) archivia la seduta in parità, Banca IFIS SpA (MI:IF) +0.40% e Banca Sistema Spa (MI:BSTA) in progresso del 2%.


Sul resto del listino c’è da segnalare la buona performance di Mediaset (MI:MS) (+3.40%) che ha beneficiato di indiscrezioni in base alle quali la francese Vivendi (PA:VIV) avrebbe presentato un’offerta del controvalore di 900 milioni di euro per il controllo di Mediaset Premium. La prima resistenza chiave è posizionata a 3,35 euro; oltre questo ostacolo ci sarà la possibilità di assistere ad un allungo fino a 3,50 euro (primo target).

Tra i principali rialzi Olidata SpA (MI:OLI) (+15.70%); BIO ON (MI:ON) (+13.20%); Brioschi Sviluppo Immobiliare SpA (MI:BRUI) (+10.40%); Mondo TV (MI:MTV) (+6.30%); RCS MediaGroup (MI:RCSM) (+5.90%); Saras SpA (MI:SRS) (+2.20%); Tods SpA (MI:TOD) (+1.10%); Prysmian (MI:PRY) (+1.30%). In pesante ribasso Landi Renzo (MI:LR) (-7.0%) dopo i rialzi delle precedenti sedute; Cementir Holding SpA (MI:CEMI) (-5.80%); Fincantieri SpA (MI:FCT) (-5.60%); Saipem (MI:SPMI) (-4.50%) che continua a soffrire il peso del calo del petrolio; Astaldi (MI:AST) (-3.10%) e Telecom (MI:TLIT) (-3.30%).

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.