😎 Saldi d’estate esclusivi - Fino al 50% di sconto sugli stock picks di InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

L'Europa indaga sui CDS di Deutsche Bank

Pubblicato 30.03.2023, 13:35
© Reuters.
DBKGn
-
DBK
-

Di Alessandro Albano

Investing.com - Dopo il crash di Deutsche Bank (BIT:DBK), i regolatori vogliono vederci chiaro per capire il fattore scatenate che ha causato alla banca tedesca una perdita di oltre 1,6 miliardi dii euro di market cap in una singola seduta.

L'Esma, l'ente che regola i mercati finanziari a livello europeo ha fatto sapere di aver messo sotto esame il mercato dei credit default swaps, contratti altamente illiquidi che con l'effetto leva possono provocare un effetto domino molto pesante sulla percezione del rischio sui mercati come accaduto venerdì scorso. Inoltre, per detenere un CDS non è obbligatorio avere in portafoglio un asset sottostante dell'emittente, prestandosi quindi molto bene alle diverse trade speculative.

Lente europeo insieme ai regolatori nazionali, ha detto un portavoce, ha esaminato "i recenti movimenti del mercato, incluso quello dei CDS”.

Come riportato da Bloomberg mercoledì, i singoli regolatori finanziari avrebbero fatto partire un'indagine per risalire all'origine della trade e capire chi ha fatto partire l'ordine che ha scatenato il panico su tutti i mercati europei.

A scatenare il sell-off, sarebbe stata una trade speculativa da 5 milioni di euro sui credit default swaps della banca che sarebbe stata piazzata come copertura su altri investimenti, mentre il giovedì precedente sarebbe stato effettuato un ordine sui CDS senior a cinque anni della Deutsche Bank che avrebbe attirato l'attenzione degli operatori di mercato.

Ad evidenziare il problema degli swap sul rischio di DB è stato anche il presidente del Consiglio di vigilanza della Bce, Andrea Enria, il quale in una conferenza a Francoforte tenutasi martedì ha confessato di aver avuto preoccupazioni per "il livello di nervosismo e di inquietudine che ho percepito nel mercato e tra gli investitori".

"Ci sono mercati come quello dei single-name Cds che sono molto opachi, molto superficiali e molto illiquidi, e con pochi milioni (di euro) la paura si diffonde alle banche da un trilione di euro di asset e impatta i prezzi delle azioni e anche i deflussi dei depositi", ha aggiunto, chiedendo che questi strumenti siano compensati a livello centrale.

Leggi anche: I CDS di Deutsche Bank sotto l'attacco degli speculatori, le authority indagano

Vi ricordiamo infine che per valutare bene un’azione partendo dai bilanci, potete iscrivervi gratuitamente al prossimo webinar del 30 Marzo "Permanent Portfolio: come resistere alla tempesta!", cliccando su QUESTO LINK.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.