Ultime Notizie
0

Going Crazy...

it.investing.com/analysis/going-crazy-200222770
Going Crazy...
Da Alessandro Balsotti   |  11.10.2018 11:35
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Giovedì 11 Ottobre

.
.

 Il mercato, a 8 mesi di distanza, sta un’altra volta ‘impazzendo’ con movimenti improvvisi e una volatilità impulsiva che non concede segnali preventivi di allerta. Per Donald Trump, che si è portato avanti nei mesi scorsi nel plasmare la sua posizione critica nei confronti della Fed, è poi abbastanza naturale additare la presunta aggressività della banca centrale (“I think the Fed has gone crazy”), come la causa della rottura del suo principale alleato elettorale, insieme a un economia in robusta espansione, ovvero mercati azionari in costante salita. Ne consegue una minore efficienza del dollaro come valuta rifugio. Quello che preoccupa di più è che la correzione non sembra avere una chiara paternità ed è quindi più difficile da razionalizzare ed affrontare.

 Bollettino di guerra. Come a febbraio iniziamo dalla crudezza dei dati di fatto.

 L’S&P 500 ha ceduto il -3.3% (l’indice cash alla chiusura di ieri sera, il future è ora quasi 1% più basso) a 2785. L’indice è sceso sotto la media a 100 giorni, il future è ora poco sotto anche la media 200 che aveva già violato a inizio maggio.

.
.

 Il Nasdaq ha lasciato sul campo 4.1% at 7422.05 (più ingenti a -4.9% le perdite del Nasdaq 100 index). L’indice è sceso, con margine, sotto la media 200 giorni, per la prima volta dal luglio 2016 (dopo il referendum che ha decretato la Brexit). Anche in questo caso il future sta lavorando livelli di circa 1% più bassi rispetto alla chiusura di ieri.

.
.

 L’indice di riferimento per le small-mid cap americane (Russell 2000) ha chiuso anch’esso significativamente sotto la media a 200 giorni, toccando i livelli più bassi da maggio.

.
.

 Il VIX è salito di 7 punti (la seconda salita in ordine di grandezza del 2018, da 16 a 23) ai livelli più alti da aprile.

 Lo spread misurato dall’indice CDX 5Y, punto di riferimento del mercato High-Yield, ha allargato di 18.5bp a 361.5bp. L’ultima rilevazione settimanale aveva mostrato i deflussi più copiosi dagli ETF dedicati a questa asset class da febbraio.

 Gli altri mercati azionari. Le piazze globali non hanno mostrato particolare capacità di differenziarsi con una maggiore resilienza. Nel caso dell’Europa la sovra-performance rispetto all’epicentro statunitense appare per ora marginale. Il Vecchio Continente ha chiuso i battenti ben prima che iniziasse la parte più severa del ribasso a Wall Street. Quindi il -1.65% dell’Euro Stoxx 50 di ieri andrà contestualizzato con l’ulteriore gap ribassista in arrivo all’apertura odierna. Il future ha chiuso ieri sera un 1% abbondante sotto la chiusura pomeridiana. In Asia, dove nelle ultime settimane i venditori non si sono quasi mai tirati indietro (con l’eccezione del Giappone), le perdite notturne sono al momento di magnitudo simile a quelle US: Nikkei -3.9%, Hang Seng -3.8%, Shanghai Comp -4.9%.

.
.

 Il dollaro ha zoppicato come valuta rifugio. Era presumibile lo facesse nei confronti di valute capaci di avere un appeal superiore in casi di risk-off così conclamato come JPY e CHF, come in effetti è avvenuto, ma ha sofferto anche contro EUR e GBP. I commenti di Trump hanno sicuramente avuto un ruolo in questa dinamica e anche la performance del biglietto verde nei confronti di valute high-beta (monete emergenti, AUD, NZD) è stata nella maggior parte dei casi poco convincente e la volatilità in questo caso assai contenuta, soprattutto rispetto agli estremi agosto.

 Trump. Senza bisogno di commentare in dettaglio riporto un paio di dichiarazioni a valle del movimento a Wall Street: “The Fed is making a mistake"/"I think the Fed has gone crazy."/"Actually, it's a correction that we've been waiting for, for a long time. But I really disagree with what the Fed is doing, OK?".

 Curva US. Se il bear steepening della curva dei tassi US delle ultime due settimane era stata in qualche modo l’innesco e la principale causa dei moderati disagi azionari di ottobre, il crollo di ieri ha assunto vita propria invertendo anzi la relazione di causa effetto con l’avversione al rischio che ha calmierato la curva. Il rendimento del Treasury a 10Y è sceso di 6bp a 2.15%, allontanandosi ulteriormente dai massimi (2.25%) di martedì mattina.

 Catalizzatori evidenti di questa debacle, o perlomeno del suo innesco, sono difficili da trovare. Se vogliamo fare un paragone con febbraio, anche allora uno strappo rialzista dei rendimenti nelle settimane precedenti è probabile avesse preparato il terreno per la violenta correzione, il cui megafono era stato la tempesta sulle popolari strategie corte volatilità. Il mercato negli ultimi anni, anche se non è più ferocemente corto VIX come a gennaio, è diventato strutturalmente sempre più corto-gamma, con sempre più asset gestiti passivamente e sistematicamente. Quindi movimenti come quelli di ieri non possono mai sorprendere del tutto. Aggiungo, come ho fatto svariate volte ultimamente, che questa fase che ci porta verso il kick-off della stagione delle trimestrali è quella di maggiore vulnerabilità per il diminuito supporto dei buy-back (un flusso che negli ultimi anni è diventato un carburante sempre più importante dei rialzi) dovuto all’embargo che le società devono rispettare prima della pubblicazione dei risultati. Vi ripropongo sotto un grafico già postato una decina di giorni fa.

.
.

 Due motivi che mi fanno rimanere abbastanza pessimista almeno per il breve periodo (che in in questi casi può diventare anche le prossime 24-48 ore):

 Il movimento di ieri non sembra avere una paternità conclamata. Appare più una confluenza di fattori tecnici, fondamentali, economici e politici in una fase matura del ciclo. In questi casi è solitamente più difficile per chi è rialzista scrollare le spalle e tornare a comperare avendo identificato (ed eventualmente razionalmente declassato) la causa della correzione.

 I settori che hanno fatto da traino al bull market degli ultimi trimestri (tech e small-cap) sembrano in maggiore difficolta, a differenza di febbraio dove erano rimasti lontano dai più seguiti livelli di supporto (media mobile a 200 giorni e varie trendline)

 Oggi verrà pubblicato il CPI US, il dato macro più atteso della settimana, ma la rilevazione rischia di essere secondaria rispetto alla semplice price action a Wall Street. In genere quando il catalizzatore è l’azionario US, gli altri mercati tendono a seguire in maniera abbastanza passiva. Per cui sarà solo nel pomeriggio che potremo provare a farci un’idea se la discesa diventerà ancora più cattiva o se abbia possibilità di stabilizzarsi/invertirsi. Un CPI alto dovrebbe risultare comunque più pericoloso per gli asset rischiosi, dal momento che l’aggressività della Fed (e il potenziale conflitto istituzionale con la Casa Bianca) è uno dei nervi scoperti in questa fase di mercato. Buona giornata.

.
.

Le informazioni contenute nel presente documento (l’”Informativa”) hanno il solo ed unico scopo di fornire elementi di studio, analisi o simulazioni sull’andamento dei mercati finanziari. Ogni lettore deve considerarsi responsabile per i rischi dei propri investimenti e per l’uso che fa delle informazioni contenute nell’Informativa. Le informazioni ivi contenute non rappresentano, né possono essere interpretate, come un’offerta, ovvero un invito, all’acquisto o alla vendita di quote dei fondi d’investimento o di altri prodotti finanziari eventualmente nella stessa citati. L’unico scopo di questo lavoro è fornire elementi il più possibile accurati ed aggiornati di supporto per analisi tecniche sull’andamento dei mercati e in nessun caso rappresenta una sollecitazione di pubblico risparmio ovvero un invito ad acquistare o vendere titoli quotati sui mercati finanziari; eventuali messaggi in qualsivoglia forma ed in qualsivoglia maniera esposta sono da ritenersi sempre ed esclusivamente delle simulazioni o ipotesi di studio. Le informazioni riportate nel presente documento sono state elaborate da JCI Capital. Tuttavia, l’utente prende atto che JCI Capital non garantisce in alcun modo l’esattezza e/o la completezza delle informazioni, dei testi, dei collegamenti, dei grafici o di eventuali altri elementi contenuti nel presente documento. Si declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati, danni (inclusi il danno per perdita o mancato guadagno), perdita di informazioni o altre perdite economiche, danni diretti o indiretti, incidentali o consequenziali, derivanti dall’uso o dalla divulgazione delle informazioni contenute nella presente Informativa. L’analisi tecnica contenuta nell’Informativa è il frutto di una mera attività di studio. Non vi è certezza circa l’andamento futuro. I risultati passati quindi, non forniscono alcun tipo di garanzia per i guadagni (risultati) futuri. Si declina pertanto ogni responsabilità per eventuali conseguenze che dovessero causarsi, a chiunque ed a qualsiasi titolo, per l’utilizzo dei contenuti della presente Informativa che in nessun caso potranno essere considerati come sollecitazione diretta o indiretta al pubblico risparmio. In ragione di quanto precede, la presente Informativa va considerata esclusivamente quale strumento di analisi dei mercati finanziari ed è pertanto rivolta a professionisti con una elevata cultura finanziaria assimilabili ad un investitore professionale. Poiché le indicazioni riportate vengono fornite come semplici spunti di riflessione, si declina qualsiasi tipo di responsabilità, sia a carico dello staff di JCI Capital che di collaboratori esterni, per le eventuali conseguenze negative che dovessero derivare da una operatività fondata sulla loro osservanza. L’utilizzo dei dati e delle informazioni contenute nella presente Informativa come supporto di scelte di operazioni di investimento è pertanto a completo rischio dell’utente”.

Going Crazy...
 

Articoli Correlati

Going Crazy...

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email